Che bel mestiere fare il pasticcere

Stampa

Da oggi lo è ancora di più con le nuove farine della “Linea Dolci” Pivetti

La smisurata varietà della cucina italiana nelle sue varianti territoriali diventa particolarmente golosa ed evocativa se riferita al mondo dei dolci. Ogni torta di compleanno è protagonista di ricordi indelebili; dietro un panettone scaturisce l’immagine delle persone amate attorno a un tavolo, e il vassoio di paste fa subito pranzo della domenica. Ma anche la brioche della colazione porta con sé la ricchezza di un momento speciale, che sa di coccola, di amore per se stessi.

Ogni dolce boccone nasce dalla perizia dei pasticceri che devono coniugare creatività, sensibilità verso l’innovazione ed estrema precisione. Un genere di maestria che avvicina la figura del pasticcere a quella dell’artista. Alla base dell’arte pasticcera non può mancare un’oculata scelta delle materie prime, dalla quale dipende in larga parte la buona riuscita del prodotto finale.

Molini Pivetti ne è ben consapevole, tanto da aver appena rilanciato sul mercato internazionale la “Linea Dolci”.

Packaging accattivanti, analisi, rigorose selezioni delle materie prime e macinazione attenta e controllata dei migliori grani sono il risultato di studi accurati e sinergici.

Non sono mancate le prove applicative alla presenza di pasticceri professionisti per decretare, infine, le farine top di gamma che ora compongono la linea.

Lievitati”, “Brioche-Croissant”,” Sfoglia” e “Frolla” sono le quattro nuove referenze high-performance caratterizzate da un perfetto equilibrio indispensabile per le singole preparazioni.

La farina per i “Lievitati”, in particolare, è ideale per prodotti dagli ampi volumi, che necessitano di alta idratazione, impasti ben strutturati e lunghe lievitazioni. Sofficità e durata nel tempo del prodotto finito sono garantiti. La nuova “Brioche-Croissant” sostiene egregiamente l’aggiunta di grassi, senza perdere in friabilità e morbidezza; la “Sfoglia” vanta un ottimo rapporto fra tenacità ed estensibilità, così da risultare laminabile, estensibile e al contempo resistente alle lunghe lavorazioni. La “Frolla”, infine, raggiunge un impasto resistente ma malleabile, per un risultato friabile e compatto, senza briciole.

Quattro referenze che compongono la gamma dei prodotti dedicati ai moderni maestri pasticceri ma sempre nel rispetto delle tradizioni.