Sculture dal Vivo - la mémoire d'une pandemie

Stampa

A Luglio e Agosto un connubio tra arte ed enogastronomia in ricordo della pandemia

E’ stato l’Arco d’Augusto di Aosta a fare da sfondo all’iniziativa "Scultura dal vivo".

Otto scultori professionisti valdostani si sono avvicendati per tre fine settimana, dando dimostrazione della loro abilità nella lavorazione del legno.

Gli artigiani sono stati invitati a fornire una loro interpretazione creativa della pandemia attraverso la scultura.

L’evento si è svolto da venerdì 24 a domenica 26 luglio, da venerdì 31 luglio a domenica 2 agosto e da venerdì 21 a domenica 23 agosto.

Nell'ambito di questa manifestazione, e durante gli stessi tre fine settimana, l’Unione Regionale Cuochi VdA ha preparato e fatto degustare prodotti valdostani DOP, DOC e PAT. Le degustazioni, gratuite, si sono svolte  alle ore 17, 18 e 19.

L’iniziativa è promossa dall’Assessorato Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali, in collaborazione con l’Unione Regionale Cuochi VdA e nelle giornate di Domenica anche con l’AREV. Le ricche tradizioni enogastronomiche, legate al territorio alpino e a una cultura contadina, sono state alla base di numerose proposte a partire da materie prime di qualità: anche il palato più fine ha avuto la possibilità di degustare e apprezzare profumi e sapori antichi, ritrovando sul tipico tagliere la Fontina DOP, il Valle d’Aosta Fromadzo DOP, il Vallée d’Aoste Jambon de Bosses DOP e il Vallée d’Aoste Lard d’Arnad DOP, in abbinamento ai vini a denominazione di origine controllata più rappresentativi della nostra regione.

Durante la manifestazione, alcune guide turistiche valdostane hanno condotto i visitatori alla scoperta di un’insolita Aosta, tra artigianato, incontri, cultura e sapori.

Ad avvicendarsi nella preparazione delle degustazioni, gli chef Giuliano Donatantonio, del ristorante la Cave de Tillier di Aosta, Samuele Riva e Vincenzo Repaci, le lady chef, Ornella Corsi, dell’Osteria Numerouno di Châtillon, Barbara Martinet, Giusy Serra, professionista free lance, e la studentessa Camilla Lagrasta.

A coordinare gli chef il responsabile eventi Franco Rotella, a cui va un sentito ringraziamento per l’impegno e la professionalità dimostrata anche durante questa iniziativa.

 

Per approfondire, clicca qui