Cena del Cuore…all’insegna della beneficenza e del divertimento

Stampa

Due Team composti da una squadra maschile ed una femminile hanno gareggiato venerdì 24 maggio 2019 alla Cena del Cuore. L’iniziativa, la prima in assoluto in questi termini, è stata organizzata dall’associazione Volontari del Soccorso di Donnas, in collaborazione con la Fondazione Comunitaria di Aosta e l’Unione Cuochi VdA, dalla quale provengono le due squadre. Gli otto professionisti hanno preparato un menu di quattro portate con lo scopo di valorizzare i prodotti del territorio. Le due squadre sono partite da una mistery box composta dagli stessi ingredienti. Ecco quindi che i quattro chef Giuseppe Cardullo, Mattia Grimaldi, Andrea Filippa e Simone Salmin e le quattro lady chef Antonella Montrosset, Giuseppina Serra, Donka Manoilova e Celine Brulard hanno deliziato il palato dei commensali con un antipasto composto dalla Carne Salée alla moda di Gressoney, da un primo tipico del territorio “La Favò”, da un secondo che ha abbracciato la parte nord della Valle d’Aosta “La Carbonade della Valdigne con polenta” e in chiusura da un dolce rappresentato da una Cheese Cake al Rebles e frutti rossi.

I piatti sono stati giudicati dai commensali che per una sera hanno rivestito i panni di “critici gastronomici”, in un contesto più giocoso che competitivo. I commensali hanno votato ogni singolo piatto in base all'aspetto e ovviamente al gusto, ed in base ai voti ricevuti è stata stilata una classifica finale. A spuntarla sono state le donne, che con la loro Cheese Cake ai frutti rossi hanno accumulato quasi il massimo del punteggio. L’obiettivo della serata è stato quello di ricavare fondi a sostegno dell'associazione volontari del soccorso di Donnas nell'ambito della campagna iniziata a metà aprile finalizzata alla raccolta di beni di prima necessità per il progetto Adotta una famiglia – Riempiamo il piatto.

E’ stata una bella esperienza – commenta Antonella Montrosset – da rifare perché c’è stata una bella intesa e confronto tra di noi. Giuseppina ha trasmesso sicurezza, Celine è stato un vulcano di idee ed energia ed ha raccolto tutti i fiori possibili per dare un tocco Lady ai nostri piatti e poi Donka che ha preparato un dolce strepitoso com’è stato definito “da dieci e lode”. Pour jeu, pour amour, pour passion……. così definirei la mia partecipazione alla Cena del Cuore di Donnas.

Stesso parere anche Giuseppina Serra: si, bellissima esperienza, non c'è stata la minima competizione tra noi, neanche con i maschietti, oltretutto simpaticissimi!!! L'impegno è stato premiato, per Donka, bravissima, Celine si è impegnata veramente tanto e Antonella è stata la nostra guida.

Donka: Una Bellissima esperienza, abbiamo collaborato insieme, dando il meglio di noi stesse. E’ stato divertente, ho conosciuto delle persone con un cuore grande come la loro professionalità, e credo che insieme siamo riusciti a dare inizio ad una iniziativa a fin di bene che dovrebbe continuare nel futuro. 

Brulard: La cena del cuore per me è stata un'esperienza fantastica. Ho conosciuto persone che hanno creduto in me, anche se sono da poco entrata nell'associazione e nel mondo culinario. Nella squadra lady l'intesa c'è stata fin da subito nonostante nessuna si conoscesse. Siamo riuscite a valorizzare i nostri punti di forza, creando così un gruppo molto eterogeneo al suo interno, molto bello e coeso.

Filippa: È la prima volta che ho la possibilità di partecipare ad un evento dove 2 team differenti
gareggiano per realizzare  un menu dagli antipasti ai dolci. Ho potuto apprezzare la forza e l'unione dei miei altri compagni, tutti molto competenti. Ho appreso nuove tecniche che aumentano e completano la mia professione.

Soddisfatti anche gli altri componenti del team maschile i quali hanno mostrato un grande spirito partecipativo e associativo.

Il Presidente Gianluca Masullo desidera ringraziare tutti coloro che hanno collaborato all’iniziativa, in particolare l’Associazione Volontari del soccorso di Donnas che ci hanno fornito questa grande occasione. Un plauso a colui che ha lavorato “sodo” dietro le quinte – Franco Rotella – che ancora una volta ha dimostrato quanto sia importante lo spirito associativo che ci contraddistingue. Franco è un valido e ottimo collaboratore e nell’ultimo periodo sta veramente dando il meglio di se stesso. Un chiaro messaggio a tutti di seguire il suo esempio, perché a beneficiarne, oltre all’associazione, è anche il singolo associato che si sente parte integrande di un progetto mirato alla condivisione e alla crescita professionale.

Per visualizzare l’iniziativa #Riempiamoilpiatto cliccare qui

Per visualizzare le foto, cliccare qui