Incontro tra Unione Regionale Cuochi Umbri e regione Umbria

Stampa

Oggi l'Unione Regionale Cuochi Umbriattraverso la rappresentanza della presidente regionale Gianna Fanfano, del presidente provinciale di Perugia Giancarlo Passeri, del tesoriere provinciale di Perugia Giuseppina Mariotti e del segretario regionale Raffaele Marco Bagnato si presenterà davanti alla Seconda Commissione Consiliare Permanente regione Umbria per illustrare e mettere in discussione i punti ritenuti di primaria importanza per fronteggiare la crisi del settore enogastronomico che sta dilagando a seguito delle disposizioni per il contenimento dell'epidemia COVID-19.

L'incontro ottenuto grazie all'azione perentoria dell'associato Michele Radicchia, che dal 23 febbraio 2021 instancabilmente ha sostato davanti a palazzo Donini, sede della regione Umbria, sarà momento di confronto tra le parti e verterà sui seguenti punti:

  1. Consentire l’apertura dei locali a pranzo e a cena almeno fino alle 23,  nel rispetto delle normative igienico sanitarie vigenti nell’estate 2020  (distanziamento, registro clienti, prenotazione obbligatoria). 
  2. Coinvolgere le associazioni di settore (Confcommercio, CNA) per  assicurare che la riapertura delle attività avvenga nel rispetto delle  linee guida nazionali e garantire il controllo per la verifica delle  normative igienico sanitarie. 
  3. Programmazione delle aperture con almeno una settimana di  anticipo con garanzia di continuità lavorativa. 
  4. Sollecito tempestivo dei pagamenti “Ristori/Sostegni” a tutti gli  aventi diritto, a fronte di perdite che ad oggi (marzo 2021) oscillano  tra l’80% ed il 100% rispetto all’anno precedente.  
  5. Aumento e proroga della CIG fino alla ripartenza certa e regolare del  servizio. 
  6. Riduzione sostanziale dell’IMU verso gli operatori Ho.Re.Ca. e verso i  locatori di spazi per attività Ho.Re.Ca per tutto il periodo d’imposta  2021. 
  7. Azzeramento della TARI verso gli operatori del settore Ho.Re.Ca. nei  mesi in cui, i locali soggetti alle disposizioni a contenimento  dell’epidemia COVID-19, non hanno esercitato la propria attività. 
  8. Proroga dell’esenzione al pagamento per l’occupazione del suolo  pubblico per tutto il periodo d’imposta 2021 e comunque fino alla  fine dello stato di emergenza sanitaria. 
  9. Sostegno o ricalcolo dei contratti d’affitto per le attività del settore  Ho.Re.Ca soggette alle disposizioni per il contenimento dell’epidemia  COVID-19. 
  10. Esenzione/Riduzione del pagamento annuale  dell’abbonamento SIAE per gli esercizi pubblici e relativo ad eventi futuri, almeno per l’anno 2021. 
  11. Messa in atto di agevolazioni per l’assunzione di personale  qualificato per combattere la svalutazione del lavoro e l’aumento del mercato nero (esenzione/riduzione degli obblighi contributivi  almeno per un anno dal momento della riapertura e comunque per  tutto il periodo dell’emergenza sanitaria).
  12. Proroga e miglioramento di tutte le attività a sostegno del  reddito messe in essere durante l’emergenza causata dall’epidemia  COVID-19. 
  13. Riconoscimento di un indennizzo per le spese compiute dalle  attività negli anni 2020 e 2021 finalizzate all’applicazione dei  protocolli di sicurezza previsti dallo Stato per garantire la sicurezza  dei lavoratori e dei clienti. 
  14. Riduzione dell’IVA al 4% su tutto il comparto Ho.Re.Ca,  compresi l’asporto e la consegna a domicilio. 
  15. Messa in pratica di politiche per il rilancio del turismo legato alla  regione Umbria, attraverso la promozione e il finanziamento di  attività che possano attrarre persone e valorizzare le eccellenze del  territorio. 
  16. Consentire il regolare servizio nell’area esterna degli esercizi  pubblici autorizzati  
  17. Riconoscimento di un contributo a fronte delle spese sostenute  per l’adeguamento dei locali nel corso del 2020 e del 2021.18. Attivazione di un canale di sostegno aggiuntivo per le attività  con prestiti in essere. 
  18. Esenzione dal pagamento della tassa su pubblicità/insegna. 20. Riduzione degli obblighi contributivi sia dei dipendenti che dei  titolari degli esercizi. 
  19. Prevedere agevolazioni e/o sgravi per l’assunzione e la  reintegrazione di lavoratori over 50.

Alleghiamo la lettera presentata durante l'incontro.