Firenze: Emozioni e gioia per la consegna della tessera onoraria ad Eliseo Guidetti.

Stampa

Eccomi brevemente a raccontare cosa è successo lunedì 7 maggio 2018.

Siccome Eliseo Guidetti, mio padre, è stato uno dei fondatori della Federazione Italiana Cuochi, e poiché la cosa accadde nel 1968, e dato che quest’anno ricorreva il cinquantenario di detta fondazione, forse in qualche modo sarebbe stato giusto riconoscere ad Eliseo l’onere e l’onere di quanto fatto nel 1968.

Riconoscere questo merito a lui perché purtroppo, ma per la fortuna della mia famiglia, è l’unico rimasto di quel manipolo di chef e soprattutto di brave persone che in quel lontano ’68 fecero partire l’ingranaggio che tutt’oggi, ben oleato, continua a girare. Il ’68 non fu dunque solo anno di ribellione….

Ed è così che il 10 aprile di quest’anno, a Roma, durante l’Assemblea Nazionale dei Soci, doveva essere consegnata ad Eliseo la Tessera Onoraria in argento, a testimonianza del suo lungo e costante tesseramento alla F.I.C.

Purtroppo per Eliseo il periodo da settembre 2017 a marzo 2018 non è stato dei più felici, vari problemi di salute lo hanno tormentato portandolo in ospedale ben più di una volta; dunque niente Roma.

Ma qualcuno dei partecipanti all’Assemblea romana si è incaricato di ritirare il riconoscimento per lui e, una volta tornati i cuochi fiorentini a Firenze, insieme a tutti i cuochi toscani, è partita la macchina organizzativa per poter dare un chè di ufficiale alla consegna del riconoscimento nelle mani di Eliseo.

Ricordo che Eliseo dopo essere stato Segretario, Tesoriere, Presidente dell’Associazione Cuochi Fiorentini è, tuttora novantenne, Presidente Onorario della medesima benvoluto e stimato non solo dai fiorentini ma da tutti i cuochi che hanno avuto la fortuna di conoscerlo.

Si decide quindi di organizzare una serata che permetta la consegna nella maniera più ufficiale possibile, pur nella semplicità di un incontro tra amici.

Il luogo scelto è l’Hotel Michelangelo a Firenze, dove in cucina c’è, naturalmente, un iscritto che conosce Eliseo ma ci sarà a Firenze un Hotel o un Ristorante il cui Chef non lo conosce?

A sua insaputa, Eliseo viene accompagnato per un’apericena al Michelangelo, ma prima di dare inizio all’evento, ecco che Alessandra Baruzzi, Coordinatrice nazionale del sodalizio Lady Chef, consegna non senza evidente commozione, tra un discreto numero di Chef in divisa ed un congruo numero tra parenti ed amici, tutti applaudenti, la Tessera Onoraria ad un altrettanto commosso Eliseo. Seguono i discorsi di plauso dei Presidenti Regionale, Roberto Lodovichi, e Provinciale, Massimiliano Catizzone, nonché un collegamento video-telefonico con il Presidente Nazionale Rocco Pozzulo.

A questo punto Eliseo lascia da parte la commozione, è contento, incredulo, bacia gli amici che si stringono a lui, guarda sorridendo il riconoscimento che tiene in mano.

E’ l’ora dell’apericena, le congratulazioni si sprecano, le fotografie pure, Eliseo si rilassa e seduto in una poltrona comincia a chiedere come potrà fare per ricambiare…….uomo d’altri tempi! Non si arrende al fatto che se ha ricevuto la Tessera Onoraria è proprio perché tutti i cuochi italiani devono del riconoscimento a lui!

E’ stata una bella serata, piena di amici, di emozioni, di parole dette con il cuore. Una bella soddisfazione, “chissà se ci fosse stata la mamma” mi sussurra ad un orecchio….chissà se riuscirai a dormire, penso fra me e me…..

Giusi Guidetti