L’Associazione Provinciale Cuochi Cosentini assume veste giuridica!

Come ogni anno, le feste natalizie rappresentano quel periodo in cui tutti, grandi e piccoli, si aspettano di ricevere un dono, un simbolo. Nonostante le difficoltà che stanno contraddistinguendo l’attuale periodo storico, i soci dell’Associazione Provinciale Cuochi Cosentini, associativamente parlando, possono sicuramente essere contenti perché sotto l’albero troveranno una sorpresa inaspettata, forse la più grande da quando la stessa ha mosso i suoi primi passi: l’APCC acquisirà Personalità Giuridica! Sebbene si tratti di un’idea vagheggiata già in passato, è grazie all’operato dell’attuale Presidente Francesco Spina che essa troverà, a breve, realizzazione. Ed il tutto in tempi che possiamo definire “record”. Il Presidente, infatti, avviava la pratica per l’ottenimento del riconoscimento giuridico poco più di due mesi fa, il 6 ottobre, dopo aver ricevuto mandato dai consiglieri provinciali in consiglio direttivo. A partire da detta data, Spina si impegna a produrre tutti i documenti necessari da indirizzare al Presidente della Giunta Regionale della Regione Calabria ed al “Dipartimento Lavoro, Sviluppo Economico, Attività Produttive e Turismo”: un totale di ben 154 pagine, presentate il giorno 23 novembre. Il 18 dicembre il responso tanto atteso: la Regione Calabria comunica l’avvio della fase di istruttoria della domanda, senza reclamare alcuna rettifica dei documenti richiesti e puntualmente allegati alla stessa. Ciò posto, è doveroso chiarire le motivazioni che hanno spinto il Presidente Spina ed il direttivo tutto a muoversi in questa direzione, fattori che, peraltro, fanno comprendere il perché si sia voluto agire con tale celerità. In primo luogo, l’APCC, assumendo personalità giuridica, acquisirà di diritto anche autonomia patrimoniale: in altre parole, il patrimonio dell’associazione sarà distinto dal patrimonio posseduto dai singoli soci. In questo senso, i creditori dell’associazione non possono rivalersi sul patrimonio dei singoli soci, così come ai creditori degli associati è inibita la possibilità di rivalersi sul patrimonio sociale. In secondo luogo, la legge prevede particolari benefici per le associazioni riconosciute, tra i quali la possibilità di richiedere contributi da parte di enti pubblici (partecipazione ai bandi pubblici), di ricevere donazioni, di acquistare immobili. Si tratta, quindi, di un primo passo importante che consentirà in futuro di programmare sempre nuove attività che garantiscano la crescita costante dell’associazione, di chi ne fa parte e del territorio tutto. Insomma, un traguardo di tutto rispetto che consegnerebbe ai soci la prima Associazione Provinciale riconosciuta a livello giuridico all’interno della Federazione Italiana Cuochi. Un gran bel regalo da scartare…